Stampa
Il Collegio di oggi chiude un periodo storico. Tempo di bilanci quindi, ma non voglio certo annoiarvi con l’elenco delle varie attività svolte negli ultimi dieci anni da quando cioè questa scuola ha preso il volo, con un lavoro di squadra vincente che ha visto impegnati dirigenti scolastici, docenti, personale ATA, amministratori locali… cito per tutti l’attuale sindaco, il prof. Piergiorgio Ferretti e ovviamente famiglie e studenti.

 

Torta Zoli
Mi limito a ricordarvi e a ricordarmi alcune caratteristiche principali che hanno fatto sì che questa scuola non crescesse solo dal punto di vista numerico, ma che acquistasse una propria identità e diventasse per dirla con una sola espressione, una scuola con l’anima. I progetti, le attività varie sono solo le gambe, gli strumenti che utilizziamo per dare un volto, un corpo, concretezza insomma all’anima.
Siamo stati negli ultimi anni il miglior liceo classico d’Abruzzo secondo la ricerca della prestigiosa Fondazione Agnelli.

Abbiamo inserito molteplici indirizzi, perché è la società che ce lo chiedeva, perché molteplici sono le abilità e le competenze richieste dal mondo del lavoro. Abbiamo creduto fortemente nel ruolo dell’intercultura, per la formazione di menti aperti e responsabili e allora via agli scambi culturali, alle certificazioni linguistiche, ai progetti Erasmus, alla rete internazionale per scambi culturali ENS (European School Network). Solo 2 o 3 scuole in Italia ne fanno parte. E allora via all’ indirizzo Cambridge grazie alla collaborazione della Scuola civica, agli stage all’estero, alla partecipazione come studenti ambasciatori alle Nazioni Unite. ONU

Grande attenzione è stata dedicata alla Educazione alla legalità, parte integrante dell’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione.

Ricordo un evento per tutti: abbiamo portato ad Atri e in tante scuole di Italia l’uomo di fiducia e autista di Giovanni Falcone, Giuseppe Costanza, ci siamo emozionati con lui quando ha condiviso con noi i ricordi di quel terribile 23 maggio del 1992. E non posso non menzionare tutti i concorsi ai quali abbiamo partecipato con il tema appunto della legalità, del rispetto delle regole del rispetto della diversità.

Alleato importante lo sport, campioni sportivi che con umiltà, ma tanta fermezza, sono venuti a ricordare ai nostri ragazzi che per ottenere risultati bisogna sudare, bisogna soffrire a volte, bisogna essere costanti, bisogna essere solidi, bisogna sapersi rialzare dopo le cadute, in definitiva bisogna saper accarezzare e coltivare i propri sogni.

Abbiamo afferrato al volo tutte quelle occasioni che ritenevamo culturalmente valide e che potessero rafforzare il ruolo di centro propulsore di cultura che la scuola deve avere…Ed ecco l’adesione ad eventi di respiro nazionale quali la Notte del liceo classico, il Maggio dei libri, Libriamoci, spettacoli teatrali, anche in lingua straniera, laboratori teatrali con la supervisione del regista Pino Strabioli, grazie all’impegno dell’Assessore alla cultura e alla Pubblica Istruzione, Domenico Felicione. Anche nell’alternanza scuola lavoro, abbiamo colto un’opportunità di crescita per i nostri studenti per rafforzare alcune competenze necessarie e allora abbiamo liberato tutta la nostra creatività per realizzare attività di alternanza scuola lavoro, sempre più coinvolgenti e motivanti per gli studenti. Cito per tutti il corso per rilegare e restaurare libri antichi che ho trovato davvero molto originale e pieno di significato.

Abbiamo cercato di fronteggiare il qualunquismo dilagante con iniziative particolarmente significative: il Convegno sul dialogo interreligioso per esempio e i molteplici momenti di riflessione su temi complessi e delicati quali l’immigrazione, partecipando a Lampedusa a dei laboratori sul tema e aderendo alla rete promossa dal comitato 3 ottobre. Durante i vari incontri, temi così delicati sono stati affrontati da diversi punti di vista, mantenendo sempre ferma una certezza: il rispetto per l’essere umano deve sempre e comunque prevalere ed essere anteposto ad ogni tipo di ragionamento. Al primo posto l’uomo, l’attenzione all’altro, al prossimo e da qui la proficua collaborazione con il CSV e l’AVIS. Le attività di volontariato come uno strumento indispensabile per veicolare i valori sottesi al percorso di formazione di cittadini responsabili e consapevoli.

E forse proprio per il nostro know how in materia siamo stati prescelti per gestite come scuola capofila una rete di scuole che racchiude le 8 regioni del sud per lo sviluppo e la promozione del Service learning.

Per incentivare la partecipazione attiva degli studenti ho lavorato alacremente e sono particolarmente orgogliosa di aver dedicato tempo ed energie al rapporto continuo e costante con i rappresentanti di istituto e di aver fortemente voluto il comitato studentesco.

Qualche cenno all’ attività negoziale svolta negli ultimi cinque anni, davvero molto intensa, perché gli indirizzi attivati erano sì tanti, ma mancavano dei laboratori necessari alla loro qualificazione, e allora insieme al gruppo Progettazione, all’esperta dei Pon prof.ssa De Ascentiis, in stretta sinergia con la DSGA e gli Assistenti amministrativi ci siamo dati da fare per ottemperare a queste lacune, abbiamo intercettato le varie opportunità che si sono presentate e adesso abbiamo realizzato i laboratori di sala e cucina all'alberghiero, abbiamo dotato di laboratorio linguistico il liceo linguistico, abbiamo un tornio moderno a controllo numerico e una fresatrice nuova di zecca per l’ipias, per l'agrario una cantina didattica molto sofisticata e un caseificio ultra moderno, oltre che un laboratorio di chimica, in questo caso donato, dietro interessamento della nostra prof.ssa Carpegna. Abbiamo, ultimo acquisto, anche una fantastica capannina agrometereologica dotata di barometro, igrometro anenometro.